collegamento alla pagina del progetto ScansEmas collegamento a notizie utili Comune di Scansano

  Via XX Settembre 34 -58054 SCANSANO (GR)   tel: (039) 0564509411   fax: (039) 0564509425 e-mail: info@comune.scansano.gr.it


Home | L'Amministrazione | I Servizi | La storia | Luoghi da visitare | I musei | Teatro | Avvisi | Manifestazioni | Pubblicazioni | Il Morellino | Agriturismo


ti trovi in > home > Teatro Castagnoli










IL TEATRO CASTAGNOLI



























Programmazione Gestione Storia Un racconto Notizie utili Archivio delle rassegne

PROGETTI, PROGRAMMAZIONI, RASSEGNA 2017

 

Anche quest'anno, il Teatro Castagnoli di Scansano, grazie all'Amministrazione Comunale, con il contributo PEZ (progetti educativi zonali) della Regione Toscana, presenta la sua Rassegna Teatrale di Primavera. 
I tre spettacoli in programma sono stati pensati per il pubblico della scuola ma sono adatti anche per gli adulti. È per questo che è stata fatta la scelta di proporli di domenica, fuori dall'orario scolastico, in modo da agevolare la partecipazione sia delle famiglie che dei cittadini.
Gli spettacoli, tutti di rilevante importanza, sono:

 

 Mistero Buffo del grande maestro Dario Fo, a cura del Teatro Studio di Grosseto, La Fabbrica delle parole, uno spettacolo per bambini molto poetico e suggestivo, a cura di Arts&Crafts e Ironica-Mente, un lavoro originale e divertente dell’ormai storica Compagnia Scansanese Chicchi D’Arte.
Il Comune di Scansano si è avvalso della collaborazione del Teatro Studio di Grosseto per la Direzione Artistica del Cartellone e ha puntato su Compagnie Professioniste locali, come già è accaduto l’anno scorso con la Rassegna curata da Fondazione Toscana Spettacolo.
Un esempio raro e lungimirante quello di affidarsi alle professionalità locali, perché questa nostra terra è portatrice di storia, tradizioni, bellezza naturale, ma anche di costante produzione artistica e culturale e sostenere queste realtà, significa percorrere nuove strade, strade fatte di partecipazione, di passione, di legame profondo col territorio, significa tracciare e rimarcare percorsi già aperti per le nuove generazioni.

Mistero Buffo, che si terrà il 7 maggio, è il lavoro più importante del Grande Giullare, Dario Fo, quello che gli è valso il Premio Nobel per la Letteratura e che offre l’opportunità di conoscere forme tradizionali medievali, rivisitate dal genio di un grande Maestro, per un risultato dirompente di risa e commozione.
La messa in scena del Teatro Studio, autorizzata dall’organizzazione che tutela le opere di Fo, è una fedele drammatizzazione a più interpreti di due Giullarate, una Moralità e un Mistero, tratte dalla più vasta opera Mistero Buffo.
“Il Matto e la Morte”, è una giullarata dal sapore simbolico, in cui la figura del Matto dei Tarocchi si allinea con quella del Cristo della tradizione teatrale medievale e gioca “a carte” con la Morte, procurando al pubblico un sentimento al tempo stesso pietoso, ironico e conturbante. “La Moralità del cieco e dello storpio”, altro pezzo dissacrante ed esilarante, ci mostrerà l’umana specie dibattersi tra carità e imbroglio. “Le tre Marie”, è un Mistero, rappresentato tradizionalmente nei giorni precedenti la Pasqua, e restituito al pubblico con una umanità semplice e assoluta, in grado da sola di divenire sacra. “La Resurrezione di Lazzaro”, un’altra giullarata, mette a nudo superstizione e malafede e ci lascia un ironico e rassegnato giudizio sull’agire umano, che non mette limiti tra il sacro e il profano.
Uno spettacolo divertente e commovente, insomma, egregiamente interpretato da Daniela Marretti, Luca Pierini, Enrica Pistolesi, Mirio Tozzini, Cosimo Postiglione, Beatrice Solito, nella regia sapiente e appassionata di Mario Fraschetti.

“La Fabbrica delle Parole”, di Arts&Crafts, che si terrà il 21 maggio, è liberamente ispirato al lavoro di Agnès Lestrade e Valeria Docampo. Uno spettacolo pienamente dedicato ai bambini, ma molto suggestivo anche per il pubblico degli accompagnatori adulti. Una performance sorprendente, in cui danza e teatro si esprimono in tutta la loro intensità, nell’arco di una narrazione teatrale ricca e poetica. La Fabbrica delle Parole è un microcosmo in cui la società moderna con le sue aberrazioni potrà rispecchiarsi, mentre il coraggio di essere diverso di un uomo, traccerà la strada di un finale auspicabile e positivo: un mondo in cui ognuno potrà imparare ad esprimersi autenticamente e liberamente. L’adattamento e la regia sono di Irene Paoletti, in scena Stefano Stefani, Irene Paoletti, Elisa Bartoli. Laura Scudella, Valeria Petri.

“Ironica-Mente”, in Cartellone il 28 di maggio, a cura di Chicchi D’Arte, storica compagnia locale, ora professionista, passata per diverse formazioni e ora stabilizzata sulla formula del duetto, è uno spettacolo particolarmente adatto ai giovani, ma godibilissimo anche da un pubblico adulto e di bambini. La performance unisce momenti di ironia a situazioni poetiche, la danza al teatro, e riflette sull’all’arte e sulla creatività. Lo fa con ironia, usando un vernacolo fiorentino, e ci apre lo sguardo sul momento preciso in cui nascono le idee.
Una lettura comica e poetica di come spesso, da un errore, possa nascere una grande opera. Un occhio irriverente, ma anche estremamente innamorato, di quel luogo misterioso in cui abitano le idee. Leo e Lisa, interpretati da Emanuele Culotta e Valeria Petri – anche autrice e regista di questo lavoro – ci porteranno in una lontana Firenze per farci vivere l’emozione del momento esatto in cui le invenzioni sono state captate da chissà dove, e lo faranno, dal loro punto di vista…un po’ particolare…”

Gli spettacoli si terranno la domenica pomeriggio alle ore 18.00 presso il Teatro Castagnoli di Scansano, con ingresso gratuito fino ai 18 anni e un biglietto di 5,00 euro per gli adulti, che sono un preciso segno dell’Amministrazione Comunale, quello di favorire la fruizione cittadina , comunale e intercomunale, del Castagnoli e più in generale della dimensione culturale e sociale.
Per informazioni e prenotazioni 3920686787 (Teatro Studio) 3457543416 (Ufficio Informazioni)

I BIGLIETTI POSSONO ESSERE ACQUISTATI:

UFFICIO PROTOCOLLO Comune di Scansano

Lun/Mart/Merc/Ven dalle ore 10,00 alle ore 13,00

giov. dalle  15,00 alle 17,00

UFFICIO INFORMAZIONI via xx settembre (ex scuole elementari)

Sab/dom. 10,00-13,00/ 15,30-18

TEATRO CASTAGNOLI

Il giorno dello spettacolo dalle ore 17 alle ore 17,50
INGRESSO 5 EURO  -  GRATUITO FINO AI 18 ANNI

 

 



Prossimi appuntamenti

  

DOMENICA 7 MAGGIO 2017 ORE 18.00

“MISTERO BUFFO”

TEATRO STUDIO

regia Mario Fraschetti

DOMENICA 21 MAGGIO 2017 ORE 18.00

“LA FABBRICA DELLE PAROLE”

COMPAGNIA ARTS AND CRAFTS

regia Irene Paoletti

DOMENICA 28 MAGGIO 2017 ORE 18.00

“IRONICA-MENTE”

COMPAGNIA CHICCHI D’ARTE

regia Valeria Petri



 

La stagione teatrale 2016 al Castagnoli di Scansano

Brochure Cartellone 2016

info biglietteria, abbonamenti, prevendite



 




 

GESTIONE

Così come particolare è l’architettura, particolare è la gestione di questo Teatro. Ormai nessun Comune gestisce direttamente spazi simili, ma il Comune di Scansano, amministrazione dopo amministrazione, ha saputo difendere questo spazio, lasciandolo “pubblico”, dando la possibilità così ad enti e associazioni e istituzioni di “viverlo” e tenerlo “vivo”.

Determinante il lavoro dei volontari della sicurezza e di tutti gli artisti e operatori culturali e allievi e persone che offrono il loro servizio in varie forme, e anche di tutte le Amministrazioni Comunali dei territori circostanti (Manciano, Magliano, Roccalbegna, Campagnatico), che sentono come proprio questo teatro e partecipano alla informazione e diffusione degli eventi che il Teatro Castagnoli promuove.

 

Dal novembre 2016, si è aggiunto a questa cordata di Gruppi, Enti e Associazioni, il Teatro Studio http://www.teatrostudio.it, Compagnia teatrale Professionista e sede di laboratorio, grossetana.

 

La relazione tra questa Compagnia e il Comune di Scansano nasce in particolare per i lavori di Teatro Classico (site-specific) che il Teatro Studio ha rappresentato negli anni presso il sito archeologico di Ghiaccio Forte “Tramonto a Ghiaccio Forte” e per le regie e i corsi di teatro tenuti negli ultimi dieci anni su gruppi e laboratori locali.

Infine, ma certo non per importanza, mettiamo in evidenza la riconferma da parte di Fondazione Toscana Spettacolo, del proprio prestigioso Cartellone Teatrale per la Stagione 2016, che valutando interessante questo fermento, questo rinnovato entusiasmo e impegno di tutte le forze in campo, ha ritenuto opportuno stringere ancora una volta una Convenzione col Comune, fornendo appoggio e impegno e cinque date che si svolgeranno tra il 6 di marzo e il 17 di aprile inclusi.




 

STORIA

 

Il Teatro Comunale “Castagnoli” di Scansano è uno degli esempi più significativi e interessanti dell’architettura teatrale “liberty” in Toscana, riconducibile alla tipologia dei teatri francesi e britannici. Il nome deriva Filippo Castagnoli, notaio in Scansano nel corso dell’ottocento, alla cui morte avvenuta nel 1879, si deve la cospicua eredità lasciata per testamento olografo al paese di Scansano, grazie alla quale furono conclusi i lavori del teatro-arena già iniziati nel 1852 e la successiva inaugurazione dello stabile avvenuta nel 1892.

La sala, proporzionata ed elegante, ha la pianta ovoidale a campana con loggia ad archi e balconata, atrio centrale, corridoi, cupola, decorazione a stucchi, nastri e mascheroni dipinti.

 

Il Palcoscenico, di media grandezza, acquista profondità grazie ad un ampio proscenio che accoglie due ordini di barcaccia, conferendo caratteristiche visive e anche logistiche particolari e accoglie e contiene diversi tipi di allestimento. La capienze è di duecento posti, e la facciata esterna è caratterizzata da un timpano, finestroni e porte laterali.  

 

Tanto splendore si deve al fatto che per molti decenni Scansano, paese “di aria buona”, svolse la funzione di capoluogo estivo della Maremma, in quanto destinato dai Granduchi di Toscana “all’Estatatura”, ossia il trasferimento estivo, a causa della malaria, degli uffici, degli impiegati con le loro famiglie e di buona parte della popolazione dal capoluogo provinciale di Grosseto.

Le gestioni, tante e di diversa natura – da teatro a sala da ballo a cinema, rimaste ancora nella memoria di tutti gli scansanesi -, si protrassero fino al 1982, quando il Teatro fu acquisito al patrimonio del Comune e iniziarono i lavori di restauro, che lo restituirono all’antico splendore, adeguandolo alle moderne esigenze e alle vigenti norme sulla sicurezza.

 

STORIA RECENTE

Il Teatro è stato riaperto il 22 ottobre 1999, e da allora è sempre stato e ha riacquisito un ruolo importante nell’ambiente scansanese, come simbolo culturale e artistico.

 

Il legame della cittadinanza col proprio teatro, si è ben espresso negli ultimi anni col lavoro di un gruppo di volontari provenienti da laboratori teatrali, associazioni culturali, Compagnie locali sia professioniste che amatoriali, che a contribuito a risvegliare l’interesse verso il Teatro e ha dato concretamente la passibilità al Comune di tenere aperto questo edificio.

 

Si è formato personale per la sicurezza, si sono delineate Rassegne, si sono creati Laboratori di formazione e allestimento spettacoli, sia di teatro popolare che di ricerca con variegate forme di collaborazioni e sinergie che si sono avvicendate nel tempo: Fondazione Toscana Spettacolo, il Circuito Provinciale Teatro Amatoriale, la Compagnia teatrale I Distratti (la quale ha dato un ammirevole nuovo input al teatro amatoriale e dilettantesco locale, la Compagnia teatrale I Messaggeri dell’Anima, il Laboratorio/Compagnia teatrale Il Cerchio Magico, il Laboratorio/Compagnia Teatro e Danza Chicchi d’Arte, l’ Ass. Culturale Invertarte, il Teatro Stabile di Grosseto, la Pro loco Scansano e le Proloco delle frazioni con i loro gruppi teatrali, musicali e canori.

 

Sempre intorno al Teatro Castagnoli, con estensioni in vari borghi della Provincia, incluso quello di Scansano, è nato un importante Festival di Teatro, Teatro nel Bicchiere http://teatronelbicchiere.wix.com/petitfestival , una keremesse artistica che apre al teatro Cult, teatro di Strada e geniali performers al gusto unico del Vino della zona, ideata da Alessandra Lazzari, Tanita Spang, Michele Napoleoni.

 

Di particolare rilievo il Morellino Classica Festival, iniziativa organizzata dalla Associazione Culturale La Società della Musica, con la direzione artistica di Pietro e Antonio Bonfilio, che è punto di riferimento sul territorio per tutti gli amanti della grande musica.
Il Festival è organizzato con la collaborazione del Comune di Scansano e di: Fondazione Grosseto Cultura, Orchestra Sinfonica Città di Grosseto, Accademia Chigiana di Siena, Georg Solti Accademia Londra. Aderiscono al Comitato d’Onore le grandi personalità della musica internazionale: Lady Valerie Solti, Luis Bacalov, Robin Harry Stapleton.
L'iniziativa, è fondata su presupposti didattici (partecipano attivamente gli Istituti “Palmieri Giannetti”, “Viotti” di Grosseto, il Liceo Musicale, le Scuole Musicali di Pitigliano, Follonica e Saturnia), per sottolineare la viva attività musicale presente sul territorio e per porre l’attenzione sulla necessità dello studio musicale tra i giovani.

 

 Il Castagnoli ha anche permesso la creazione di collaborazioni con scuole di musica, danza e teatro dell’intera provincia ospitando saggi, spettacoli, concerti; e da alcuni anni il Teatro Castagnoli ospita inoltre alcune date della Rassegna Provinciale del Teatro della Scuola e apre le porte a singoli eventi culturali di valore artistico o sociale, affinché il Teatro viva e sia il centro di una intensa attività di aggregazione e scambio, umano e culturale.

 

Una menzione particolare va alla convegnistica che è stata ospitata in questi anni dal teatro Castagnoli, sia pubblica istituzionale che privata, anche di livello internazionale.


 

Un racconto - Ricordi di quando il Teatro Castagnoli non era solo Teatro (Di Valeria Petri)

<<Intorno agli anni 60 il Teatro Castagnoli era luogo di ritrovo della popolazione e molti sono i racconti dei “ragazzi” di allora che andavano a ballare nei veglioni del Carnevale.

Ogni sabato c’era un veglione ed il più importante era sicuramente quello dei Minatori. A quei tempi, i minatori a Scansano erano davvero tanti e, tornati dal pesante lavoro, si trovavano per allestire il teatro per farlo trovare pronto per i veglioni.

Tutta la platea veniva liberata dalle sedie così che chi voleva poteva ballare al centro, mentre gli altri stavano a guardare dalla galleria. Sul palco venivano messi i tavoli e si poteva mangiare... ovviamente portandosi il cibo da casa, oppure….si potevano gustare i tortellini che venivano serviti a mezzanotte.

A volte venivano ospitati i “complessini” che subito dopo il Festival di Sanremo proponevano le novità in campo musicale ed era una gran festa cantare nel teatro del paese le canzoni di un Festival così importante.

In queste manifestazioni, sul palco erano sempre presenti i personaggi più importanti del paese: il sindaco, il prete e il maresciallo.

Durante il periodo estivo, alcuni gruppi di militari, soggiornavano a Scansano con dei campi militari e si mischiavano con la popolazione e dato che qualcuno di loro era bravo a cantare, creavano con la gente del posto dei piccoli spettacoli di prosa e canti. Viene ricordata la canzone scritta da Alfeo Pinzi su Scansano che, a quanto si dice, era la più gettonata ed amata dalla popolazione.

Inoltre, il teatro Castagnoli aveva la funzione di aggregazione tra giovani ospitando il cinema tutti i sabati e le domeniche. I film venivano proiettati con le pellicole in celluloide e la macchina da cinema, ancora è esposta al Teatro. >>  


 

La stagione teatrale 2016 al Castagnoli di Scansano è realizzata in collaborazione con:

Fondazione Toscana Spettacolo

 

 

 

 

 

 

 

 
NOTIZIE UTILI

Le tariffe per l'uso del teatro (biglietteria, locazione, servizio sicurezza, etc.) vai alla delibera di Giunta n. 55/2014 e alla delibera di Giunta n. 59/2015

Regolamento per il funzionamento del Teatro Castagnoli (formato Adobe acrobat pdf 96 kb)

 

planimetrie Teatro Castagnoli (formato Adobe acrobat pdf 468 kb)

 

Per richieste relative all'uso del teatro tel. 0564509402 - 3482407816  oppure mail  vanelli@comune.scansano.gr.it

 

 

Archivio delle rassegne teatrali:

  stagione teatrale 2015         stagione teatrale 2014           stagione teatrale 2012